Come il photo booth è arrivato ai grandi brand

//Come il photo booth è arrivato ai grandi brand

Come il photo booth è arrivato ai grandi brand

Cari amici, oggi parliamo di grandi brand!

Vi siete mai chiesti perché con il photo booth abbiamo raggiunto questo target di clienti?

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

L’evento che più ha messo in risalto le potenzialità del photo booth in questo senso si è svolto a Roma. Il committente? Uno dei brand più famosi nel mondo della moda: Ralph Lauren.

Non solo due photo booth vestiti interamente di blu e giallo, ma anche una troupe di persone al lavoro per creare un vero e proprio set fotografico!

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

Set composto da che cosa? Da una parete dipinta appositamente per fare da background alle foto e da due librerie dotate di specchio sulle quali appoggiare la nuova collezione di occhiali da sole.

Il punto cruciale era proprio utilizzare gli occhiali come gadget, per lo scatto delle foto, che ovviamente andavano condivise all’instante sui social…

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

Crediamo fermamente che il photo booth per i grandi brand sia uno strumento per realizzare quello che chiamiamo in gergo “marketing esperienziale”.

Se è vero che le aziende devono diventare fornitori di emozioni ed esperienze, ecco perché scelgono il photo booth per i loro eventi. Il prodotto, se usato come gadget, diventa fonte di divertimento: una risata lascia di certo una grande emozione!

Se quella risata è poi immortalata in una stampa, quella foto avrà un valore che non potete neanche immaginare.

Il mondo della moda non è l’unico ad utilizzare questo concetto, anzi, ecco alcune curiosità…

E vogliamo parlare del cartellone pubblicitario di Carslberg nel cuore di Londra? E’ il miglior poster del mondo se passando ti puoi pure spinare una birra!

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

Per non dimenticare il grande giardino commestibile (sempre a Londra) che lanciava un romanzo dal titolo “Il Negozio di Torte in Giardino”

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

Ultimo ma non ultimo, le docce installate sulle spiagge con il logo Sprite…top!

[responsive]Come il photo booth è arrivato ai grandi brand[/responsive]

A proposito di bevande, cari amici, vi anticipiamo che Coca-Cola ha scelto Funny Booth per la presentazione a Milano della nuova Coca-Cola Life!

Presto il reportage dell’evento 😉

By | 2016-02-15T19:07:28+00:00 febbraio 16th, 2016|Eventi|1 Comment

About the Author:

Ciao, sono Federica Tavella! Da sempre ho amato osservare “il mondo” attraverso l’obiettivo della macchina fotografica, per fermare l’immagine che più mi emoziona. Tra i vari viaggi realizzati per raccogliere reportage fotografici, uno in particolare mi ha suggerito quella che ora è diventata un’attività: il Photo Booth Funny.

One Comment

  1. […] ci concentriamo sul fenomeno del photo booth e sulla reazione che questo intrattenimento ha sulle persone che partecipano agli […]

Leave A Comment